Niscemi, la polizia arresta presunto spacciatore

Nell’ambito dell’implementazione dei servizi di controllo del territorio e dell’attività di contrasto al mercato illecito degli stupefacenti – disposta dal Questore della provincia di Caltanissetta, dott. Bruno Megale, di concerto con il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Gela, Dottor Fernando Asaro – nella giornata di ieri, gli uomini del Commissariato di Niscemi, diretti dal Commissario Capo Andrea Monaco, hanno tratto in arresto un giovane, niscemese, Giugno Davide (nel riquadro), classe 1992, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, in quanto sorpreso in possesso di un quantitativo pari a circa 80 grammi di marijuana oltre alla somma di 240 euro in banconote di medio e piccolo taglio provento dell’attività di spaccio e a materiale per il taglio ed il confezionamento dello stupefacente, violando il disposto dell’art. 73, 5° comma, D.P.R. 309/1990.

Nel pomeriggio di ieri, gli agenti del Commissariato di P.S. di Niscemi, durante l’ordinario servizio di prevenzione e controllo del territorio, nei pressi di un parco giochi, hanno proceduto al controllo di tre giovani, tra cui l’arrestato, il quale alla vista dei poliziotti ha lasciato cadere a terra un involucro di carta stagnola contenente della sostanza stupefacente del tipo marijuana, di 20 grammi circa. Perquisito sul posto, gli operatori hanno rinvenuto indosso al Giugno anche la somma di 240 euro suddivisa in banconote di medio e piccolo taglio, provento dell’attività di spaccio.

Gli agenti hanno poi proceduto alla perquisizione domiciliare dell’abitazione ove risiede l’arrestato, già noto alle forze di polizia per i suoi precedenti per spaccio e consumo di sostanze stupefacenti, rinvenendo nel pianerottolo del terzo piano, due buste di plastica contenenti marijuana del peso complessivo di 58 grammi circa, oltre ad un bilancino di precisione indispensabile per la pesatura dello stupefacente. Inoltre, al secondo piano dell’abitazione, sono stati trovati numerosi pezzi di carta stagnola già tagliata e pronta per il confezionamento dello stupefacente.

Alla luce di quanto accertato, ovvero la flagranza del reato di detenzione ai fini dello spaccio di sostanza stupefacente, i poliziotti hanno arrestato Giugno Davide. Dopo le formalità di rito, è stato condotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari, a disposizione della Autorità Giudiziaria competente. La sostanza stupefacente il materiale per il confezionamento ed il denaro, sono stati sequestrati.

(fonte: Commissariato di Polizia di Niscemi)