Sicilia Futura, definito l’organigramma di Segreteria e Direzione

Mancano ancora sette mesi alle prossime elezioni regionali. Partiti e movimenti sono già in movimento per prepararsi all’appuntamento con il voto. Sicilia Futura è in gran fermento.

Dopo aver celebrato il suo primo congresso in città, con la presenza del gotha del movimento a livello regionale e l’elezione di Franco Giudice a segretario e Fabio Collorà alla presidenza, giovedì scorso c’è stata in municipio la presentazione ufficiale del nuovo gruppo consiliare e dei componenti della segreteria. A giorni verrà completata la direzione per definire la linea politica.

Ora è ufficiale. Sicilia futura, il movimento fondato dall’ex ministro on. Salvatore Cardinale, adesso è presente anche  in consiglio comunale con una rappresentanza di ben quattro consiglieri. Nasce dalla fusione di una frangia del gruppo consiliare Polo civico e del gruppo Adesso Gela. Questi i nomi: Peppe Ventura, capogruppo Sicilia Futura (ex dem del gruppo Adesso Gela), Antonino Biundo (ex dem del gruppo Adesso Gela), Christian Malluzzo (ex Adesso Gela), Sandra Bennici (ex Polo civico popolare).

 

Il neonato gruppo è stato presentato alla stampa giovedì 13 aprile scorso, nella saletta dello staff di presidenza del consiglio comunale. Assieme ad una folta rappresentanza di iscritti e simpatizzanti, erano presenti Fabio Collorà (presidente del movimento), Peppe Morselli, (ex consigliere comunale), Franco Giudice (segretario cittadino).

 

E’ stato quest’ultimo che si è assunto l’onere di presentare il movimento che si colloca sicuramente nell’area di centro sinistra, pronto a dialogare con tutti i partiti siano essi di centro, di destra o di centro sinistra. «Sicilia futura – è stato detto – da questo momento sarà punto di riferimento del centro sinistra.

 

Quindi da adesso non è solo il Pd l’unico riferimento di centro sinistra. Ci dichiariamo pronti ad incontrarci con la segreteria del Pd non escludendo dal dialogo i cosiddetti ribelli dem, ma anche senza alcuna preclusione nei riguardi dell’attuale giunta se le proposte saranno condivisibili».  Riguardo poi all’eventuale mozione di sfiducia verso il sindaco, il gruppo Sicilia futura ritiene che bisogna stare attenti ad essere precipitosi. Il problema va valutato in tutti i suoi risvolti politici ed  istituzionali. Quindi una posizione di attesa e di riflessione prima di tutto.  Infine anche Sicilia futura alle prossime elezioni regionali avrà propri candidati.

A conclusione della conferenza stampa abbiamo raccolto alcune dichiarazioni che qui di seguito riportiamo.

 

Franco Giudice (segretario cittadino). «Oggi presentiamo un gruppo consiliare coeso e forte. Siamo fortemente critici nei confronti dell’amministrazione Messinese che ha posto in essere molte cose che vanno riviste. Il nostro sarà un gruppo che intende dialogare con tutti e si pone per il “per” e mai “contro”. Siamo per costruire, per risolvere. Vogliamo essere da coagulo per il centro sinistra puntando su una sinergia fra le forze del centro sinistra privilegiando il dialogo e rigettando lo scontro. E’ nostra intenzione porre le basi per un nuovo gruppo di  leadership per il futuro, che ci veda tra gli attori principali. Riguardo alla configurazione e collocazione del nostro movimento e quindi anche come gruppo consiliare, devo aggiungere che il gruppo in Sicilia nasce dall’unione di tante componenti che si riconoscono al popolarismo, al riformismo e nell’azione liberal democratica. Quindi ha delle braccia molto larghe in grado di accogliere più soggetti e leader provenienti da diverse realtà politiche con diverse sfaccettature, ma sicuramente ci poniamo come gruppo moderato che vuole costruire un’alternativa di centro sinistra nella città».

 

Peppe Ventura (capogruppo consiliare). «Sicilia futura nasce oggi anche se noi ci lavoriamo da otto mesi a questa parte. Abbiamo presentato anche la segreteria fatta da sette professionisti. Il nostro movimento vuole diventare protagonista nell’area di centro sinistra, vuole unire il centro sinistra, dialogare col Pd ma soltanto con quel Pd che non è ostile a Sicilia futura. Tutti quelli che vedono in Sicilia futura un avversario politico, non saranno nostri alleati. Quelli del Pd che vedono in Sicilia futura un possibile alleato, allora con loro discuteremo per creare un’alternativa di governo per questa città».

 

Fabio Collorà (presidente). «Le nostre prospettive sono state sempre delle prospettive di dialogo. IL gruppo di Sicilia futura nasce grazie anche ad un abbattimento di qualsiasi muro ideologico. Nasce insieme ad una aggregazione del Polo civico e assieme ad un gruppo che provenivamo dal partito democratico. Siamo convinti che non dobbiamo ostacolare alcun tipo di dialogo, ove questo fosse possibile. Vogliamo dare delle risposte molto concrete e nette ai cittadini che versano in un clima di sfiducia totale nei confronti delle istituzioni e di qualsiasi attività politica.  E’ nostro desiderio creare iniezioni di fiducia alla città e ci poniamo come punto e motore propulsore di qualsiasi aggregazione politica che i porta ad avere dei riferimenti domani, regionali, nazionali e cittadini»

 

Questi i componenti della segreteria locale: Franco Giudice (segretario), segretario; Rino Licata (vice segretario), Andrea Battiato, Natale Bricconcello, Tiziana Iozza, Santino Giocolano e Antonio Moscato.