Dal web Like a go-go per Morinello

Una valanga di “mi piace”, centinaia di commenti – tutti positivi – migliaia di visualizzazioni. Mai un personaggio politico gelese aveva riscosso prima d’ora un così unanime, seppur virtuale consenso.

La settimana scorsa abbiamo pubblicato in questa stessa pagina un articolo in cui sono stati riconosciuti i meriti di Totò Morinello (nella foto), che è stato consigliere e assessore comunale, deputato e assessore regionale (Beni culturali), e che solo per il “tradimento” del segretario nazionale del suo partito,  con la complicità di qualche “giuda” locale, non divenne anche deputato nazionale. L’articolo del Corriere è stato anche postato su Facebook, dove ha avuto tanti riscontri.

 

Morinello, che da anni vive a Genova, dove insegna in un istituto superiore e dove ha messo su famiglia, incassa gli attestati di stima ed il riconoscimento pubblico, senza lo schermo dell’anonimato, per la sua onestà e le attenzioni avute nei confronti della sua città e del suo territorio, allorquando ha potuto – in virtù del suo incarico di assessore regionale – decidere dove destinare i fondi regionali. Stima ed apprezzamenti da parte di tanti cybernavigatori che hanno anche il sapore di condanna verso quei politici gelesi che pur avendo rivestito cariche prestigiose, hanno colpevolmente ignorato i bisogni della propria città, alcuni dei quali bocciati dall’elettorato o prossimi alla bocciatura. Questa esplosione di consensi verso un uomo che ha liberamente scelto di farsi da parte, dimostra anche che la buona politica paga.