Regionali 2017. Liste, giochi fatti in quasi tutti i partiti

Ultime ore prima della definizione delle liste per le Regionali di novembre.

Il termine per la presentazione scade venerdì sera. Non tutti i partiti hanno sciolto gli ultimi dubbi e qualcuno, come accade per gli allenatori di calcio che danno all’ultimo minuto le formazioni per non favorire gli avversari, ne ritarda strategicamente l’ufficialità.

A Gela i giochi sembrano fatti, anche se si attende la conferma della voce secondo la quale, nell’Udc tra i due litiganti – come il detto popolare – sembra dover godere il terzo, ovvero il dott. Vincenzo Pepe, che si è messo di traverso tra Filippo Franzone e Massimiliano Falvo. Il primo aveva addirittura tenuto una conferenza stampa con il Nuovo Psi di Enzo Antonuccio, che lo aveva proposto all’Udc come sua quota, il secondo sponsorizzato dalla Bonafede, alto e influente dirigente regionale. Alla fine, l’avrebbe spuntata il medico dentista Enzo Pepe.

 

Franzone commenta l’accaduto in una nota stampa (vedi a pagina 2).

L’uscente Arancio apre venerdì la campagna elettorale al cine-teatro Antidoto (Macchitella) alle ore 18. Oltre al candidato gelese ci saranno sindaci e vicesindaci di alcuni comuni della provincia, consiglieri e dirigenti del partito e i giovani democratici. Presenze di punta, il deputato nazionale Chiara Scuvera e il segretario regionale Pd Fausto Raciti. Concluderà il candidato Arancio.

 

Il candidato del Megafono Ennio Di Pietro, invece, inaugura sabato 7, alle 19, il suo comitato elettorale in corso Vittorio Emanuele 349 (di fronte Piazza Umberto), alla presenza del presidente della Regione Crocetta. Ancora qualche ora e i giochi saranno fatti. Almeno per quanto riguarda le candidature ancora “sospese”.