Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.corrieredigela.com/home/nuovo2/libraries/cms/application/cms.php on line 471
Curva chiusa per il derby con il Palazzolo al Presti

Curva chiusa per il derby con il Palazzolo al Presti

Due vittorie consecutive, condite da altrettante prestazioni positive e dal recupero definitivo di Bonaffini e Gallon.

Il Gela si gode la terza posizione in classifica dopo il 3-2 esterno sul campo del Paceco (doppietta del solito Bonanno e gol di Campanaro). Il derby, però, ha lasciato strascichi importanti, pericolosi, negativi. Una vera e propria stangata del giudice sportivo sulla società biancazzurra dopo la rissa tra i protagonisti in campo e le rispettive panchine al Provinciale di Trapani. Intanto alla società: 2.000 euro di multa e diffida. Punito anche il Paceco con lo sconto di 500 euro rispetto ai biancazzurri.

 

Ma il provvedimento più pesante riguarda Moi. Il centrale sardo è stato squalificato per tre giornate. Salterà Palazzolo, Vibonese (formazione da cui è arrivato la scorsa estate) e la trasferta in casa del Portici. Un’assenza fondamentale vista la caratura del giocatore e l’intesa ormai consolidata con Campanaro. Un turno di squalifica per Bonanno, che a Trapani ha rimediato l’ennesimo giallo stagionale. Inibito fino al 29 novembre il direttore sportivo Giovanni Martello “per aver cercato – come si legge nella nota ufficiale – il contatto fisico con un dirigente della squadra avversaria”. Solo diffida per Pippo Romano. Nel Paceco squalificato per un turno il tecnico Di Gaetano e per quattro giornate il difensore Virgilio. 

 

Di fronte un Palazzolo che torna a Gela dopo tre anni. L’ultima volta fu nel campionato di Promozione: 2-0 per il Gela di Brucculeri grazie ai gol di Cutaia e Falsaperla. Quella gara, però, passò alla storia per l’invasione di campo di Angelo Tuccio dopo i torti arbitrali subiti dalla squadra nel primo tempo, con il Gela senza due rigori e in otto contro dieci. Oggi c’è una situazione diversa. E’ semi-professionismo e ci auguriamo di assistere ad uno spettacolo maggiore. Perdippiù, gli ultrà della curva Boscaglia dovranno trovare un'altra sistemazione (tribuna), a seguito del provvedimento di interdizione emanato dal giudice sportivo per frasi razziste provenienti dalla curca nei confronti del portiere Gomis della Nocerina, quindici giorni fa, nell'ultima partita casalinga giocata dai biancazzurri. 

 

Romano è in emergenza. I già citati Moi e Bonanno saranno squalificati. Cuomo e Bruno sono alle prese con alcuni fastidi muscolari e Gallon infortunato dell’ultima ora. Romano farà, senza Bonanno e senza Gallon farà quindi ritorno al 4-3-3, accantonando l’ottimo 4-4-2 delle ultime partite. Questo per giocare con Alma e Gallon ai lati di Dorato. L’ex Leonzio, però, può agire anche da seconda punta e tutto dunque resterebbe invariato. Il ballottaggio in ogni caso riguarderà Iannizzotto e La Vardera. 

 

«Chiunque scenderà in campo dovrà dare il massimo – precisa Romano – a prescindere dal modulo. Gallon è tornato domenica scorsa, può essere della partita».

Probabile formazione (4-3-3): Biondi; Roccella, Campanaro, Brugaletta, Chidichimo; La Vardera, Bonaffini, Cosenza; Alma, Dorato, Iannizzotto.